Vermicompostaggio

Il processo produttivo del Vermicompost

L’humus di lombrico o vermicompost prodotto dall’azienda Centro Lombricoltura Toscano è ottenuto attraverso la degradazione di residui organici operata da lombrichi. E’ un ammendante organico ricco di elementi nutritivi prontamente disponibili definito anche con il termine “Black Gold” per i suoi preziosi e duraturi effetti sulla crescita delle piante e sulla struttura del terreno.
Ha aspetto e consistenza simili al terriccio, è stabile ed inodore presentando inoltre un’elevata porosità e capacità di ritenzione idrica tali da permettere anche la rigenerazione di suoli stanchi.
Il nostro prodotto è disponibile in varie vagliature in qualità di ammendante, fertilizzante organico e substrato di crescita con interessanti possibilità di impiego in agricoltura sia in campo professionale che hobbistico.

Una caratteristica molto importante dell’humus di lombrico è sicuramente la ricchezza della microflora batterica e fungina, sia a livello quantitativo che di diversità biologica. Presenta inoltre un elevato contenuto in enzimi ed ormoni.
Questa caratteristica è scientificamente riconosciuta come elemento fondamentale per spiegare l’effetto positivo sulla crescita delle piante, superiore a quello attribuibile al solo contenuto in elementi nutritivi. E’ ben documentata la capacità di sopprimere patogeni microbici e fungini, nematodi e insetti del terreno. Nei confronti di funghi, batteri e nematodi dannosi per le colture esercita un’azione indiretta di contrasto dovuta all’arricchimento della microflora del terreno (fenomeni di competizione, antibiosi, parassitismo) ed alla stimolazione della resistenza sistemica delle piante (incrementata produzione di metaboliti per la difesa da parte delle colture).
Tutte queste caratteristiche si traducono praticamente in un minor utilizzo di concimi chimici, antiparassitari e anticrittogamici nonché miglioramento e mantenimento nel tempo del terreno di coltura.

 

Il motore dell’impianto

L’impianto del Centro Lombricoltura Toscano è costituito da lettiere a cielo aperto nelle quali vengono alimentati  lombrichi della specie Esenia Fetida ed Esenia Andrei (Savigny 1826) anche conosciuti come Lombrico Rosso della California. Queste specie sono state selezionate come le più adatte al processo di vermicompostaggio grazie alla loro prolificità, voracità e metabolismo ben adattato in un range di temperature ampio.
Il lombrico è un anellide appartenente alla sottoclasse oligochaeta  che svolge un ruolo molto importante nell’aerazione dei terreni e nella formazione dell”humus. I lombrichi sono ermafroditi. Possono riprodursi asessualmente rigenerando le parti mancanti nel caso in cui il corpo venga spezzato in varie parti. Se sufficientemente grande, dai metameri possono ricrescere tutti gli organi vitali.

I riflessi positivi sulle proprietà fisico-meccaniche del terreno grazie alla presenza dei lombrichi sono essenzialmente associati alla formazione di una struttura stabile. Un terreno dotato di una buona struttura, a parità di altre condizioni, ha un rapporto equilibrato fra umidità e aerazione, è permeabile e soffice. L’humus (o vermicompost) derivante dall’attività dei lombrichi inoltre conferisce al terreno una maggiore capacità di ritenzione idrica grazie all’elevata capacità d’imbibizione dell’humus.
In definitiva la buona dotazione in humus di lombrico si traduce in condizioni di abitabilità migliori per le piante e i microrganismi e, nel contempo, condizioni meccaniche che riducono i costi delle lavorazioni del terreno.

Il grande naturalista e geologo britannico Charles Darwin dedicò gran parte delle sue ultime ricerche in maniera attenta proprio ai lombrichi e il suo ultimo saggio fu proprio incentrato sulla descrizione della loro fondamentale attività di rendere fertile e rigogliosa la terra e quindi coltivabile dall’uomo.

“Nella storia del mondo i vermi hanno svolto un ruolo più importante di quanto molti possano di primo acchito supporre” (Charles Darwin 1881)

FacebookTwitterLinkedIn