Prato: Consigli utili estivi

Siamo in estate, il momento ideale per potersi godere giardini e spazi verdi cercando refrigerio dal grande caldo e sfruttando il bel tempo per pasti e feste all'aperto. Allo stesso tempo i mesi estivi sono i momenti più delicati e complicati per la gestione del prato, in cui lo vediamo ingiallire, diradarsi ed imbruttire!

Perché? E come è possibile rimediare?

Come mantenere il prato verde in estate

Quando la temperatura supera i 30°C il processo di fotosintesi, che avviene all'interno delle cellule vegetali e fornisce loro zuccheri per il nutrimento, diviene assai meno efficace, proprio nel momento in cui le piante necessitano di più energia ed acqua a disposizione per sopportare il caldo.

Molte specie graminacee di utilizzo comune per prati e tappeti erbosi reagiscono allo stress da caldo con l’ingiallimento delle foglie e la riduzione dei germogli laterali. Di conseguenza il prato si dirada e inizia la sofferenza a livello dell'apparato radicale.

A contribuire allo stress è anche il fatto che durante l’estate i tappeti erbosi sono maggiormente calpestati.

Un prato sottoposto a forte stress è anche maggiormente soggetto a malattie fungine e parassiti, che possono determinare ulteriori peggioramenti del suo aspetto e portare a mortalità elevata delle piante.

Ecco cosa si può fare per evitare il degrado:

  • lasciare l'erba più alta rispetto alle altre stagioni, almeno 5 cm in piena estate
  • programmare una corretta irrigazione: 3-4 volte a settimana con irrigazioni da circa 10 litri/mq; una breve irrigazione al mattino aiuta a ridurre lo stress da calore
  • concimare adeguatamente a inizio estate con concimi a lento rilascio ricchi in potassio e non molto ricchi in azoto
  • eseguire trattamenti biostimolanti per supportare la pianta durante tutto il periodo più caldo (luglio e agosto)

ONUS CLT contiene milioni di microrganismi benefici, che aiutano la pianta a superare efficacemente situazioni di stress lavorando a partire dalle radici, organo di importanza cruciale per il benessere vegetale!

Fin dai primi trattamenti si potranno osservare:

  • ripresa della colorazione verde intenso
  • migliore radicazione, che significa anche maggiore resistenza al calpestamento e minori richieste di irrigazione
  • ripresa dell'accrescimento laterale, per un prato più folto
  • maggiore resistenza all'attacco di malattie e parassiti

Dosaggio consigliato: 200 ml per 100 mq (diluito in 5 lt di acqua), distribuito una volta a settimana nei mesi di luglio e agosto.

biostimolante giardinaggio humusdilombrico Lombricoltura microrganismi radici vermicompost

Menù

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Cookie Policy Accetta